SCROLLING BAR

Se ti piace scrivere e leggere visita la G+ community " BREVI RACCONTI ".

farfalla

il post della settimana

I dispensatori del nulla

Avremmo più bisogno di insegnanti che ci aiutino a inseguire un sogno, che di pastori che tarpano le ali, essi stessi privi di principi e ...

sabato 17 dicembre 2016

Le menti sedotte

Certi uomini, uomini nati come noi, della stessa pasta e parvenza, si arrogano il diritto di essere sempre nel giusto e sentenziano mentre leggono versetti a loro dire sacri, scritti dalla mano di qualcun altro, copiati e riscritti dalla mente di qualcun altro, da qualcuno che con noi oggi non ha appartenenza, ma che è servito secoli prima a ghettizzare e moralizzare gli uomini nati liberi, gli stessi, quelli di oggi.
Quegli uomini sono coloro che  non riescono a guardarsi dentro, ovvero si guardano, ma restano in superficie, quasi non potessero andare oltre, come se l'anima non avesse la giusta profondità e assolutamente immatura non si lasciasse esplorare.
 Di codesti individui bisognerebbe starne alla larga, poichè essi sono convinti di avere piene capacità umane e in grado di saperle usare alla perfezione ma che tutt'altro invero, a scrutarli bene ci si accorge che sono soltanto limitati e ottusi come è di solito un imberbe.
Ebbene essi disgraziatamente hanno anche carisma e attirano a se spiriti puri che cercano risposte da questo mondo incompiuto che grazie a loro soccombe alle tenebre e dunque ecco che queste povere anime ingenuamente gli si affidano.
E codesti esseri puri non s'accorgono che proprio a coloro a cui si sono consegnati anima e corpo, tutte quelle loro paure servono a cibare e a sopravvivere quell'essere immondo che molto presto li svuoterà di ogni umanità  lasciandoli ancor più soli nell'oblio, ormai sedotti e mai più in grado di liberarsi.

Nessun commento:

Posta un commento